l’intervista dell’avv. Cafiero  a RadioInBlu

This post is also available in: English (Inglese)

La legge di conversione del d.l. 101 del 2019 crea tutele ad hoc per i fattorini della gig economy ma non focalizza l’attenzione su tutti gli altri lavoratori che appartengono a questa galassia: da chi svolge sulle piattaforme digitali lavori intellettuali a quelli impegnati nei c.d. lavoretti. Sicuramente si tratta di un passo in avanti ma rischia di creare discriminazioni. Occorre dunque il secondo passo in avanti: estendere ai lavoratori che ne sono privi le tutele basilari nel segno dell’art. 31 della Carta di Nizza, della Carta Sociale Europea e del decent work dell’OIL.
Dal minuto 10.00 l’intervista dell’avv. Cafiero a RadioInBlu

https://www.radioinblu.it/streaming/?vid=0_tndg4eid&fbclid=IwAR3-c4_9zZFELfbXFsp-tn65OI4_LMzKcFo8lNBFk0MYS5C1_oFkoJ9s4wo

Articoli correlati